Montessori: i campi influenzati dagli esercizi di vita pratica

In generale, l’obiettivo diretto degli esercizi di vita pratica è aiutare il bambino a conquistare l’indipendenza rispetto all’esecuzione di movimenti elementari, al prendersi cura di se stesso, al prendersi cura dell’ambiente e al suo relazionarsi agli altri.

L’obiettivo indiretto è aiutare il bambino a consolidare e sviluppare la coordinazione motoria e l’integrazione della personalità. Mentre il bambino svolge gli esercizi di vita pratica, movimento, volontà e pensiero si avvicinano sempre più, integrandosi e costruendo una base solida e duratura per l’ulteriore sviluppo.

Le attività di vita pratica inoltre:

Continua a leggere Montessori: i campi influenzati dagli esercizi di vita pratica

Vita pratica Montessori: l’osservazione

La partecipazione diretta dell’adulto agli esercizi di vita pratica del bambino (preparare l’ambiente e il materiale, dare le presentazioni, garantire la libertà) si trasforma in una partecipazione interiore nel momento in cui il bambino decide di dedicarsi all’esercizio.

A questo punto il compito dell’adulto è quello di osservare rispettosamente il lavoro indipendente del bambino e notare le sue preferenza per l’uno o l’altro esercizio, il modo in cui viene svolto, le difficoltà che incontra.

Continua a leggere Vita pratica Montessori: l’osservazione

Vita pratica Montessori: la presentazione

Con la presentazione dell’esercizio si stabilisce un contatto tra il bambino e il materiale.

Le presentazioni involontarie, ripetute ogni volta che noi adulti svolgiamo attività di vita pratica in presenza del bambino, sono esempi e ispirazioni costanti. Le presentazioni formali suscitano l’attenzione consapevole del bambino sull’attività e ne evidenziano i dettagli tecnici, per consentire al bambino di svolgerle con piena padronanza.

La caratteristica più importante della presentazione degli esercizi di vita pratica è l’analisi dei movimenti, cioè la presentazione di ogni singolo movimento necessario per svolgere una determinata attività, in modo da consentire al bambino di vederli distintamente.

Ogni attività consiste in una serie di azioni logicamente successive, ognuna delle quali ha una propria tecnica distintiva, un luogo e una successione nel tempo.

“Ogni azione complessa ha movimenti successivi ben distinti tra loro… cercare di riconoscere e di eseguire esattamente e separatamente gli atti successivi, è l’analisi dei movimenti”

Continua a leggere Vita pratica Montessori: la presentazione

Vita pratica Montessori: la preparazione dell’ambiente

Quando accetta la sua responsabilità, il primo compito dell’adulto è quello di preparare e mantenere l’ambiente. Gli strumenti per svolgere le attività e gli esercizi di vita pratica devono essere preparati seguendo criteri di:

proporzionalità fisica: il bambino deve poterli gestire fisicamente (devono essere a misura di bambino)

proporzionalità psichica: la funzione del materiale deve essere comprensibile a prima vista, senza complicazioni inutili, forme fantasiose e “travestimenti”. Il materiale deve essere mentalmente impegnativo, per offrire il giusto livello di difficoltà con una progressione da semplice a complessa

Continua a leggere Vita pratica Montessori: la preparazione dell’ambiente

Spolverino per le piante

Materiali:

. due pezzetti di tessuti diversi 20 x 20 cm

. una falda di ovatta da imbottitura o ovatta di cotone o lana (circa 10x10x5 centimetri)

. filo elastico

. forbici

. ago e filo (o macchina da cucire)

. gesso da sarta

. cartamodello (linea continua per il taglio, linea tratteggiata per le cuciture)

Come si fa

Continua a leggere Spolverino per le piante

Preparare una tisana

Nome dell’esercizio in inglese: making tea

Area: prendersi cura degli altri, cucinare, grazia e cortesia

Età: dai 4 anni

Materiale:

. un ripiano dello scaffale dedicato all’attività su cui si trovano tisane o tè deteinato in bustina e una fonte di acqua calda (macchinetta o termos)

. un vassoio contenente una teiera (a destra), una tazza meglio se con piattino (a sinistra), un cucchiaino posato su un piccolo piattino (tra tazza e teiera) una ciotolina di miele o zucchero e un timer da cucina o clessidra impostabile a tre minuti (dietro alla tazzina).

Continua a leggere Preparare una tisana

Popcorn a microonde

Nome dell’esercizio in inglese: popping corn

Area: prendersi cura degli altri, cucinare

Età: dai 3 anni e mezzo

Materiale: un vassoio contenente un sacchetto di popcorn per microonde, un contaminuti da cucina, un paio di forbici, una ciotola, un piatto da portata e una pila di bicchieri di plastica. Un forno a microonde

Presentazione

Continua a leggere Popcorn a microonde

Servire le uova sode

Nome dell’esercizio in inglese: using boiled egg tongs

Area: esercizi preliminari, preparazione al taglio con le forbici, prendersi cura degli altri, trasferimenti

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: un vassoio contenente quattro uova sode in un cestino (a sinistra), quattro portauovo disposti a destra del cestino e una pinza per uova. Un tavolo e due sedie

Presentazione

Continua a leggere Servire le uova sode

Servire l’insalata

Nome dell’esercizio in inglese: using salad tongs

Area: esercizi preliminari, preparazione al taglio con le forbici, prendersi cura degli altri, trasferimenti

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: un vassoio contenente una ciotola di lattuga scondita (una decina di foglie), una ciotolina, pinze per insalata a misura di bambino, una tovaglietta arrotolata. Un tavolo e due sedie

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Servire l’insalata

Telaio delle allacciature: bottoni grandi

Nome dell’esercizio in inglese: large button dressing frame

Area: esercizi preliminari, cura di sé, vestirsi e spogliarsi

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: allacciatura dei bottoni grandi. Un tavolo e due sedie  

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Oggi vorrei mostrarti l’allacciatura con bottoni grandi”

Continua a leggere Telaio delle allacciature: bottoni grandi

Indossare il cappotto

Nome dell’esercizio in inglese: put on a coat, jacket flip

Area: esercizi preliminari, cura di sé, vestirsi e spogliarsi

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: giacca, giaccone o cappotto. Area libera sul pavimento o tavolo     

Presentazione

Continua a leggere Indossare il cappotto

Stirare

Nome dell’esercizio in inglese: ironing

Area: cura di sé, cura dell’ambiente

Età: dai 4 anni quando un bambino può seguire le regole di sicurezza

Materiale: un tavolo predisposto per l’attività con asse da stiro, un ferro da stiro da viaggio collegato a una prolunga con spia luminosa, un sopporto per ferro da stiro, un cestino di panni da stirare, un cestino per i panni stirati, una ciotolina, un contagocce con acqua profumata. Grembiuli

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro come stirare i panni”

. il bambino è libero di accettare o rifiutare: cercare il consenso del bambino con lo sguardo

. indossare i grembiuli

. accompagnare il bambino al tavolo

2. Analisi dei movimenti

. ripetere il nome dell’esercizio che è argomento della presentazione

. accendere il ferro da stiro e controllare che la temperatura sia impostata al minimo indispensabile

. scegliere quattro panni da stirare e posarli sull’asse da stiro

. portare la ciotolina al lavandino, riempirla con due dita d’acqua e riportarla al tavolo

. aprire il contagocce con l’acqua profumata, sentire il profumo, quindi mettere tre gocce nell’acqua

. chiudere il contagocce e rimetterlo al suo posto

. immergere le punte delle dita nella ciotola e cospargere delle gocce sul primo panno

. posare un secondo panno sul primo

. immergere nuovamente le punte delle dita e ripetere

. se il bambino mostra il desiderio di subentrare con gesti, parole o espressioni facciali, permettergli di farlo. Si può anche stimolare il bambino in questo senso, rallentando leggermente le proprie azioni e la loro successione

. arrotolare i quattro panni insieme e metterli da parte. Formare questo rotolo serve a diffondere il profumo nei tessuti e creare la giusta umidità

. portare la ciotola al lavandino, svuotarla, asciugarla e riportarla al suo posto

. a questo punto il ferro da stiro dovrebbe essersi scaldato. Per verificare prendere il ferro da stiro e premerlo sull’asse da stiro, quindi rimetterlo sul supporto

. mettere il palmo della mano destra aperta sull’area per sentire il calore

. permettere al bambino di sentire il calore con la sua mano

. srotolare i panni lasciandoli impilati uno sull’altro

. prendere il primo panno e metterlo al centro dell’asse da stiro

. riarrotolare gli altri panni

. prendere il ferro da stiro con la mano destra e stirare il panno prima attorno ai bordi e poi lisciando tutto il panno

. tenere la mano sul tavolo e non sull’asse da stiro

. posare il ferro sul suo supporto

. sollevare delicatamente il panno stirato con la mano destra, posarlo sul palmo della mano sinistra e ammirare quanto è liscio

. posarlo delicatamente nel cesto dei panni stirati

. dare un breve riassunto verbale dei punti di interesse e del controllo dell’errore

. ripetere una o due volte a seconda delle necessità e dell’interesse del bambino

. se il bambino mostra il desiderio di subentrare con gesti, parole o espressioni facciali, permettergli di farlo. Si può anche stimolare il bambino in questo senso, rallentando leggermente le proprie azioni e la loro successione

3. Conclusione

al termine riordinare il materiale usato con l’aiuto del bambino

. spegnere il ferro da stiro e lasciarlo a raffreddare sul suo supporto

. portare i panni stirati al loro posto, pronti per essere usati dalla classe

. riportare il cestino al tavolo

. togliersi i grembiuli

. ringraziare il bambino per il suo lavoro

. congedarsi assicurandosi che abbia pensato a cosa gli piacerebbe fare

Libertà del bambino

dopo la presentazione il bambino è libero di scegliere l’esercizio presentato, decidere quando svolgerlo, ripeterlo tutte le volte che gli è necessario, chiedere la ripetizione della presentazione già fornita e chiedere nuove presentazioni

Obiettivi diretti: isolare le abilità necessarie per usare in sicurezza il ferro da stiro per stirare i panni

Obiettivi indiretti: raffinare i movimenti e stimolare la motricità fine, favorire la destrezza e la coordinazione oculo-manuale, sviluppare il senso di indipendenza e di conseguenza dell’autostima, soddisfare il bisogno di ordine del bambino, preparare un ambiente favorevole al lavoro indipendente, stimolare la capacità di concentrazione e attenzione, eseguire movimenti finalizzati al raggiungimento di un risultato che è utile per se stessi e per gli altri, stabilire una relazione di fiducia tra bambino e adulto, favorire l’integrazione del bambino nel gruppo sociale, sviluppare la capacità di cooperazione, stimolare il senso di solidarietà

Nomenclatura: ferro da stiro, supporto, asse, panni, acqua profumata, inumidire, stirare, ecc. 

Punti di interesse: stirare con un vero ferro da stiro, inumidire e profumare i panni prima di stirarli, attendere che il ferro da stiro si scaldi, sentire il calore del ferro sull’asse da stiro, portare i panni stirati nel luogo dove possono essere usati da tutti

Controllo dell’errore: il bambino non è in grado di portare a termine l’esercizio, il bambino non è in grado di eseguire correttamente l’esercizio

Note generali: la stiratura è lezione finale di un ciclo di tre lezioni che comprende l’uso di un panno per attività di pulizia (lucidatura e spolvero), il lavaggio dei panni, e infine, appunto, la stiratura

Note di sicurezza: non collegare mai il ferro da stiro con le mani bagnate; non tirare mai il cavo; non toccare mai la piastra del ferro da stiro; non lasciare mai il ferro da stiro con la piastra sull’asse da stiro, ma metterlo sempre sul supporto apposito; spegnere sempre il ferro da stiro dopo l’uso; l’adulto dovrebbe essere l’unica persona autorizzata ad accendere il ferro da stiro e impostarne il termostato; prima che il bambino svolga l’attività l’adulto deve verificare che la temperatura del ferro da stiro sia regolata correttamente

Video: https://www.youtube.com/watch?v=FIbrQVFeucA

Fare il bucato

Nome dell’esercizio in inglese: cloth washing

Area: cura dell’ambiente, cura di sé

Età: dai 4 anni

Materiale: un tavolo destinato esclusivamente al lavaggio dei panni attrezzato con una tavoletta da bucato, sapone da bucato su un piattino, due bacinelle, un secchio, una brocca, una spugna grande quanto il palmo della mano del bambino su un piattino, una spugna piccola per asciugare il beccuccio della brocca, uno spazzolino da bucato, un asciugamani, un cesto per i panni sporchi, un cesto per i panni puliti. Uno stendibiancheria e un cestino di mollette da bucato. Grembiuli

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro come fare il bucato”

. il bambino è libero di accettare o rifiutare: cercare il consenso del bambino con lo sguardo

. indossare i grembiuli

. prendere la brocca, andare al lavandino e riempirla con acqua tiepida

. vuotarla nella bacinella di sinistra

. asciugare il beccuccio con la spugna piccola

. andare nuovamente al lavandino e riempire la brocca con acqua tiepida

. vuotarla nella bacinella di sinistra

. asciugare il beccuccio con la spugna piccola

. posare la brocca vuota sul tavolo, a sinistra

2. Analisi dei movimenti

. ripetere il nome dell’esercizio che è argomento della presentazione

. mettere la tavoletta da bucato inclinata nella bacinella di sinistra

. prendere un panno sporco e lasciarlo cadere nella bacinella di sinistra ai piedi della tavoletta

. prendere la saponetta e sfregarla sulla tavoletta dall’alto verso il basso 

. posare la saponetta sul piattino

. prendere il panno da lavare e strofinarlo sulla tavoletta insaponata, con due mani, dall’alto verso il basso

. piegare il panno in varie posizioni e strofinare

. controllare che il panno sia pulito da entrambi i lati

. se ci sono macchie particolarmente difficili da togliere, stendere il panno sulla tavoletta e sfregare la macchia con lo spazzolino da bucato

. strizzare il panno sulla tavoletta

. immergere il panno nell’acqua davanti alla tavoletta e risciacquarlo

. strizzarlo

. immergerlo nella bacinella di destra

. dare un breve riassunto verbale dei punti di interesse e del controllo dell’errore

. ripetere una o due volte a seconda delle necessità e dell’interesse del bambino

. se il bambino mostra il desiderio di subentrare con gesti, parole o espressioni facciali, permettergli di farlo. Si può anche stimolare il bambino in questo senso, rallentando leggermente le proprie azioni e la loro successione

. quando tutti i panni lavati si trovano nella bacinella di destra, prendere un panno e sciacquarlo bene, quindi strizzarlo e metterlo nel cesto della biancheria da stendere

. ripetere una o due volte a seconda delle necessità e dell’interesse del bambino

. se il bambino mostra il desiderio di subentrare con gesti, parole o espressioni facciali, permettergli di farlo. Si può anche stimolare il bambino in questo senso, rallentando leggermente le proprie azioni e la loro successione

. quando tutti i panni sono risciacquati e strizzati, portare il cesto accanto allo stendino

. prendere un panno, scuoterlo per distenderlo bene ed appenderlo con una molletta a un filo

. dare un breve riassunto verbale dei punti di interesse e del controllo dell’errore

. ripetere una o due volte a seconda delle necessità e dell’interesse del bambino

. se il bambino mostra il desiderio di subentrare con gesti, parole o espressioni facciali, permettergli di farlo. Si può anche stimolare il bambino in questo senso, rallentando leggermente le proprie azioni e la loro successione

. riportare il cesto vuoto al tavolo

3. Conclusione

al termine riordinare il materiale usato con l’aiuto del bambino

. lavare la tavoletta da bucato con la spugna grande, strizzare bene la spugna e rimetterla a posto

. mettere la tavoletta da bucato nella bacinella di destra, prendere nuovamente la spugna e usarla per risciacquare la tavoletta

. mettere la tavoletta risciacquata in verticale nella bacinella

. vuotare la bacinella di sinistra nel secchio

. portare la bacinella al lavandino, lavarla, asciugarla e riportarla sul tavolo insieme al panno usato

. estrarre la tavoletta dalla bacinella di destra e aspettare che smetta di gocciolare

. asciugare la tavoletta col panno e rimetterla al suo posto

. mettere il panno nella cesta dei panni da lavare

. vuotare la bacinella di sinistra nel secchio

. portare la bacinella al lavandino, lavarla, asciugarla e riportarla sul tavolo insieme al panno usato

. rimettere la bacinella al suo posto 

. asciugare eventuali gocce d’acqua sul tavolo col panno quindi metterlo nel cesto dei panni da lavare

. svuotare il secchio nel lavandino, sciacquarlo, asciugarlo e riportarlo al suo posto

. togliersi i grembiuli

. ringraziare il bambino per il suo lavoro

. congedarsi assicurandosi che abbia pensato a cosa gli piacerebbe fare

Libertà del bambino

dopo la presentazione il bambino è libero di scegliere l’esercizio presentato, decidere quando svolgerlo, ripeterlo tutte le volte che gli è necessario, chiedere la ripetizione della presentazione già fornita e chiedere nuove presentazioni

Obiettivi diretti: isolare le abilità necessarie per lavare i panni

Obiettivi indiretti: raffinare i movimenti e stimolare la motricità fine, favorire la destrezza e la coordinazione oculo-manuale, sviluppare le capacità di coordinazione e controllo motorio, stimolare la capacità di memorizzare una sequenza, sviluppare il senso di indipendenza e di conseguenza dell’autostima, stimolare lo sviluppo della volontà, eseguire movimenti finalizzati al raggiungimento di un risultato che è utile per se stessi e per gli altri, stabilire una relazione di fiducia tra bambino e adulto, favorire l’integrazione del bambino nel gruppo sociale, sviluppare la capacità di cooperazione,  

stimolare il senso di solidarietà, gioia che deriva dalla sensazione di pulito

Nomenclatura: pulito, sporco, strofinare, strizzare, asciugare, stendere, risciacquare, ecc. 

Punti di interesse: insaponare la tavoletta, strofinare i panni piegandoli in più direzioni, sciacquare i panni, tenere i panni in ammollo, strizzare bene, stendere i panni con le mollette Controllo dell’errore: il bambino non è in grado di portare a termine l’esercizio, il bambino non è in grado di eseguire correttamente l’esercizio

Spazzolare i vestiti

Nome dell’esercizio in inglese: brushing clothes

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura di sé

Età: dai 3 anni

Materiale: un cestino contenente una spazzola per vestiti, specchio, pattumiera

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro come spazzolare i vestiti”

. il bambino è libero di accettare o rifiutare: cercare il consenso del bambino con lo sguardo

. accompagnare il bambino allo scaffale dove è conservato il materiale

. trasportare il cestino accanto allo specchio

. stare in piedi

2. Analisi dei movimenti

. ripetere il nome dell’esercizio che è argomento della presentazione

. tenendo la spazzola con la mano destra spazzolare il lato sinistro del corpo passando la spazzola dall’alto verso il basso

. guardarsi allo specchio

. passare la spazzola nella mano sinistra

. tenendo la spazzola con la mano sinistra spazzolare il lato destro del corpo passando la spazzola dall’alto verso il basso

. guardarsi allo specchio

. dare un breve riassunto verbale dei punti di interesse e del controllo dell’errore

. ripetere una o due volte a seconda delle necessità e dell’interesse del bambino

. se il bambino mostra il desiderio di spazzolare i suoi vestiti con gesti, parole o espressioni facciali, permettergli di farlo. Si può anche stimolare il bambino in questo senso, rallentando leggermente le proprie azioni e la loro successione

3. Conclusione

al termine riordinare il materiale usato con l’aiuto del bambino

. portare la spazzola alla pattumiera

. tenendola con la mano sinistra sulla pattumiera, usare la mano destra per rimuovere peli e lanugine dalla spazzola

. rimettere la spazzola nel cestino

. riportare il cestino allo scaffale

. ringraziare il bambino per il suo lavoro

. congedarsi assicurandosi che abbia pensato a cosa gli piacerebbe fare

Libertà del bambino

dopo la presentazione il bambino è libero di scegliere l’esercizio presentato, decidere quando svolgerlo, ripeterlo tutte le volte che gli è necessario, chiedere la ripetizione della presentazione già fornita e chiedere nuove presentazioni

Obiettivi diretti: isolare le abilità necessarie per spazzolare i vestiti

Obiettivi indiretti: favorire la destrezza e la coordinazione oculo-manuale, sviluppare il senso di indipendenza e di conseguenza dell’autostima, soddisfare il bisogno di ordine del bambino, eseguire movimenti finalizzati al raggiungimento di un risultato che è utile per se stessi e per gli altri, stabilire una relazione di fiducia tra bambino e adulto, cura e rispetto di sé, dignità

Nomenclatura: spazzola, lanugine, peli, pelucchi, specchio, ecc. 

Punti di interesse: usare la mano destra per spazzolare a sinistra e la sinistra per spazzolare a destra, guardarsi allo specchio, spazzolare dall’alto al basso, pulire la spazzola alla pattumiera  

Controllo dell’errore: il bambino non è in grado di portare a termine l’esercizio, il bambino non è in grado di eseguire correttamente l’esercizio

Fare la valigia

Nome dell’esercizio in inglese: packing a suitcase

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura di sé

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: una valigia. Un cesto contenente oggetti per un viaggio: scarpe in un sacchetto trasparente, ciabatte in un sacchetto trasparente, asciugamani, astuccio per articoli da bagno, spazzolino, dentifricio, pettine, spazzola, crema solare, cappello da sole, costume da bagno, un libro, due paia di mutande, due paia di calzini, una maglietta, una camicia, un pigiama, un vestito, due paia di pantaloni, una felpa. Un tavolo e due sedie

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Fare la valigia

Piegare i vestiti

Nome dell’esercizio in inglese: folding clothes

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura di sé

Età: dai 3 anni

Materiale: un cesto della biancheria contenente diversi capi d’abbigliamento e biancheria, anche girati a rovescio. Tavolo e due sedie oppure un tappeto da lavoro. Schede per la piegatura dei capi d’abbigliamento (facoltative).     

Continua a leggere Piegare i vestiti

Lavare le scarpe

Nome dell’esercizio in inglese: cleaning shoes

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura di sé

Età: dai 3 anni

Materiale: un vassoio contenente sapone da sella solido (anche detto sapone per cuoio), spazzola dura, tappetino impermeabile, piccole spugnette in un contenitore, un foglio di carta di giornale, una bottiglietta d’acqua con beccuccio, un cestino di panni asciutti, un cestino vuoto per i panni usati, una ciotolina. Grembiuli. Scarpe di cuoio o plastica (la procedura non è indicata per scarpe di tela o scamosciate)

Presentazione

Continua a leggere Lavare le scarpe

Soffiarsi il naso

Nome dell’esercizio in inglese: blowing nose

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura di sé

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: un vassoio contenente fazzoletti usa e getta e uno specchio, cestino dei rifiuti, lavandino

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Soffiarsi il naso

Tossire

Nome dell’esercizio in inglese: coughing

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura di sé

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: nessuno                                                 

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Tossire

Starnutire

Nome dell’esercizio in inglese: sneezing

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura di sé

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: nessuno                                                 

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Starnutire

Pettinare e spazzolare i capelli

Nome dell’esercizio in inglese: combing hair, brushing hair

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura di sé

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: un vassoio contenente scatola di fazzoletti di carta e uno specchietto verticale. Il pettine personale del bambino, il nostro pettine personale

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro come pettinare i capelli”

Continua a leggere Pettinare e spazzolare i capelli

Spalare la neve

Nome dell’esercizio in inglese: snow shoveling

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, rotazione del polso, presa a C delle dita, travasi

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: una pala da neve a misura di bambino, guanti

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Spalare la neve

Semina nel terreno

Nome dell’esercizio in inglese: soil seedling, square foot garden

Area: cura dell’ambiente

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: terreno lavorato e concimato diviso in quadrati (o uno square foot garden), bustine di semi, una vaschetta o piattino, palette da giardinaggio o cucchiai, spruzzino con acqua a temperatura ambiente, innaffiatoio con acqua a temperatura ambiente

Presentazione

Continua a leggere Semina nel terreno

Rastrellare le foglie

Nome dell’esercizio in inglese: raking leaves

Area: cura dell’ambiente

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: un rastrello a misura di bambino (con un giro di nastro isolante a marcare la metà della lunghezza del bastone) e guanti da giardinaggio. Bidone per i rifiuti organici. Lavandino per lavarsi le mani

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Rastrellare le foglie

Cambiare l’acqua ai fiori

Nome dell’esercizio in inglese: cut flower care

Area: cura dell’ambiente

Età: dai 4 anni

Materiale: brocche d’acqua pronte a temperatura ambiente (o un dispenser d’acqua a temperatura ambiente) sullo scaffale. Sullo stesso scaffale un vassoio contenente un tappetino impermeabile, un panno, un paio di forbici, una lente d’ingrandimento, una ciotola vuota, una bacinella, un imbuto, una spugna, uno spazzolino per lavare le bottiglie, un asciugamani. Grembiuli. Lavandino. Un tavolo e due sedie

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Cambiare l’acqua ai fiori

Cura delle piante d’appartamento

Nome dell’esercizio in inglese: plant care

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, rotazione del polso, presa a C delle dita, travasi

Età: dai 4 anni

Materiale: un vassoio contenente un paio di forbici in un cestino, uno spolverino per le piante in un cestino, un innaffiatoio, segnalini rossi e blu, uno spruzzino o una ciotola d’acqua, batuffoli di cotone, cotton-fioc, una ciotola vuota per i batuffoli e i cotton-fioc usati, una ciotola vuota per le foglie secche, una spugna grande come il palmo della mano e una spugnetta piccola (circa 5 centimetri). Grembiuli

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro come curare una pianta”

. il bambino è libero di accettare o rifiutare: cercare il consenso del bambino con lo sguardo

. indossare i grembiuli

. accompagnare il bambino allo scaffale dove è conservato il materiale

. trasportare il vassoio e posarlo a sinistra della pianta da curare

2. Analisi dei movimenti

. ripetere il nome dell’esercizio che è argomento della presentazione

. togliere il segnalino blu dalla pianta e metterlo nella ciotola apposita

. prendere le forbici con la mano destra

. cercare nella pianta le foglie morte da rimuovere

. trovata una foglia morta, aprire leggermente le forbici, metterle sullo stelo della foglia morta, seguire lo stelo fino al ramo e tagliare

. mettere la foglia secca nella ciotola apposita

. se si trova tutto un ramo morto, seguirlo fino al terreno o al ramo principale e tagliare

. dare un breve riassunto verbale dei punti di interesse e del controllo dell’errore

. ripetere una o due volte a seconda delle necessità e dell’interesse del bambino

. se il bambino mostra il desiderio di subentrare con gesti, parole o espressioni facciali, permettergli di farlo. Si può anche stimolare il bambino in questo senso, rallentando leggermente le proprie azioni e la loro successione

. pulire le forbici con la spugnetta piccola e rimetterle nel loro cestino

. andare a vuotare la ciotola con le foglie morte nella spazzatura e rimettere la ciotola sul vassoio 

. spolverare la pianta con lo spolverino

. lucidare le foglie della pianta    

. innaffiare la pianta    

3. Conclusione

al termine riordinare il materiale usato con l’aiuto del bambino

. asciugare eventuali gocce d’acqua con la spugna

. riportare il vassoio allo scaffale

. ringraziare il bambino per il suo lavoro

. congedarsi assicurandosi che abbia pensato a cosa gli piacerebbe fare

Libertà del bambino

dopo la presentazione il bambino è libero di scegliere l’esercizio presentato, decidere quando svolgerlo, ripeterlo tutte le volte che gli è necessario, chiedere la ripetizione della presentazione già fornita e chiedere nuove presentazioni

Obiettivi diretti: isolare le abilità necessarie per curare le piante

Obiettivi indiretti: preparazione allo studio della botanica, raffinare i movimenti e stimolare la motricità fine, favorire la destrezza e la coordinazione oculo-manuale, rinforzare la muscolatura della mano e la capacità di presa delle dita in preparazione alla scrittura, sviluppare le capacità di coordinazione e controllo motorio, stimolare la capacità di memorizzare una sequenza, sviluppare il senso di indipendenza e di conseguenza dell’autostima, eseguire movimenti finalizzati al raggiungimento di un risultato che è utile per se stessi e per gli altri, stabilire una relazione di fiducia tra bambino e adulto, sviluppare la capacità di cooperazione, gioia che deriva dalla sensazione di pulito

Nomenclatura: innaffiatoio, segnalino, stecco, bandierina, pianta, innaffiare, foglie morte, ecc.

Punti di interesse: seguire le attaccature delle foglie fino al ramo prima di tagliare, spolverare dal picciolo all’apice delle foglie, lucidare dal picciolo all’apice delle foglie, usare il segnalino rosso quando la pianta è innaffiata, scegliere solo piante col segnalino blu

Controllo dell’errore: il bambino non è in grado di portare a termine l’esercizio, il bambino non è in grado di eseguire correttamente l’esercizio

Note: in classe dovrebbe esserci una grande varietà di piante con esigenze diverse, poste ad altezza di bambino. Di ogni pianta bisognerebbe conoscere il nome, il luogo di provenienza, le cure richieste ecc. nel caso in cui il bambino richieda queste informazioni

Innaffiare le piante

Nome dell’esercizio in inglese: watering plants

Area: cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni e mezzo

Materiale: un vassoio contenente un innaffiatoio, una ciotola con bandierine o stecchi di gelato blu, una ciotola con bandierine o stecchi di gelato rossi, una spugna

Continua a leggere Innaffiare le piante

Lucidare le foglie

Nome dell’esercizio in inglese: polishing leaves

Area: cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni

Materiale: un vassoio contenente una ciotola con batuffoli di cotone, una ciotola con cotton-fioc, una ciotola con acqua o uno spruzzino d’acqua, una ciotola per i materiali usati, un panno. Grembiuli. Una piccola pianta da lucidare. Un tavolo e due sedie

Presentazione

Continua a leggere Lucidare le foglie

Spolverare una pianta

Nome dell’esercizio in inglese: dusting a plant

Area: pinza a tre dita, cura dell’ambiente

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: spolverino per le piante in un piccolo cestino. Una pianta da spolverare. Grembiuli

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Spolverare una pianta

Lavare un tavolo

Nome dell’esercizio in inglese: washing a table, scrubbing the table

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni e mezzo

Materiale: un secchio di plastica con un panno appoggiato sul bordo. Un vassoio contenente una piccola bacinella, una brocca, una saponetta su un piattino, uno spazzolino su un piattino, una spugna della grandezza del palmo della mano del bambino su un piattino, una spugnetta piccola per asciugare il beccuccio della brocca, una tovaglietta impermeabile, un cestino con panni puliti e un cestino vuoto per i panni usati, un asciugamani. Grembiuli. Un tavolo da lavare

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Lavare un tavolo

Lavare un vassoio

Nome dell’esercizio in inglese: wash a tray

Area: esercizi preliminari, cura dell’ambiente

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: un cestino contenente una brocca, una ciotola, una spugna delle dimensioni del palmo della mano del bambino, detergente in un flacone contagocce, un panno e un tappetino impermeabile. Un vassoio da lavare. Grembiuli. Un tavolo e due sedie

Presentazione

Continua a leggere Lavare un vassoio

Lavare una lavagna

Nome dell’esercizio in inglese: washing a blackboard

Area: esercizi preliminari, cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni

Materiale: un vassoio contenente una ciotola, una brocca, una spugna della grandezza del palmo della mano del bambino e un panno. Una lavagna da tavolo. Grembiuli

Continua a leggere Lavare una lavagna

Lucidare il metallo

lucidare il metallo (rosso), lucidare il vetro (blu), lucidare il legno (giallo)

Nome dell’esercizio in inglese: polishing metal, (silver, brass, copper, pewter) polishing

Area: cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni e mezzo

Materiale: un cestino rosso contenente l’oggetto da lucidare, un vasetto di pasta atossica per lucidare i metalli, un piattino, uno spazzolino da denti, un bastoncino di legno da manicure per spingere le cuticole, un pezzo di carta assorbente o mezzo foglio di giornale, quadratini di flanella 12 x 12 centimetri, una ciotolina vuota, una spugna delle dimensioni del palmo della mano del bambino. Una tovaglietta impermeabile rossa. Grembiuli. Un tavolo e due sedie. Un luogo dove esporre gli oggetti lucidati. Lavandino per lavarsi le mani

Presentazione

1. Preparazione diretta

Continua a leggere Lucidare il metallo

Pulire i vetri delle finestre o grandi specchi

Nome dell’esercizio in inglese: wash the windows

Area: movimenti elementari, cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni e mezzo

Materiale: un cestino blu contenente una bottiglietta spray di detergente per vetri atossica (o una soluzione di acqua e aceto in parti uguali), un lavavetri a misura di bambino, panni di cotone, una spugna, un piccolo secchio. Una tovaglietta plastificata blu. Una finestra o grande specchio ad altezza di bambino. Grembiuli. Un lavandino per lavarsi le mani

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro come pulire le finestre”

. il bambino è libero di accettare o rifiutare: cercare il consenso del bambino con lo sguardo

. indossare i grembiuli

. prendere la tovaglietta e accompagnare il bambino alla finestra che deve essere pulita

. posare la tovaglietta sul pavimento

. accompagnare il bambino allo scaffale dove è conservato il materiale

. trasportare il cestino davanti alla finestra, posandolo sulla tovaglietta

. prendere il secchio e metterlo a destra del cestino

. mettere la spugna nel secchio

2. Analisi dei movimenti

. ripetere il nome dell’esercizio che è argomento della presentazione

. prendere la bottiglietta spray e spuzzare del detergente sul vetro della finestra, in un’area delimitata

. posare lo spray sulla tovaglietta

. prendere il lavavetri con la mano destra e tenere un panno nella mano sinistra

. posarlo con la parte gommata sul vetro, poco sopra l’area spruzzata

. spingere contro la finestra dolcemente e tirare verso il basso

. asciugare col panno

. ripetere

. posare il panno sulla tovaglietta, e il lavavetri sopra di esso

. prendere la spugna e asciugare eventuale liquido gocciolato sulla cornice in basso della finestra

. rimettere la spugna nel secchiello

. prendere un panno pulito e lucidare l’area trattata con movimenti circolari

. posare il panno sulla tovaglietta

. prendere lo spray e ripetere, sempre lavorando su piccole aree alla volta

. strizzare la spugna nel secchiello prima di usarla

. se il bambino mostra il desiderio di subentrare con gesti, parole o espressioni facciali, permettergli di farlo. Si può anche stimolare il bambino in questo senso, rallentando leggermente le proprie azioni e la loro successione

3. Conclusione

al termine riordinare il materiale usato con l’aiuto del bambino

. svuotare il secchio nel lavandino, asciugarlo e rimetterlo nel cestino

. asciugare e rimettere nel cestino tutti gli oggetti, uno ad uno

. portare i panni usati nel cesto dei panni da lavare

.  riportare il cestino allo scaffale 

. riportare la tovaglietta al suo posto

. togliersi i grembiuli

. lavarsi le mani

. ringraziare il bambino per il suo lavoro

. congedarsi assicurandosi che abbia pensato a cosa gli piacerebbe fare

Libertà del bambino

dopo la presentazione il bambino è libero di scegliere l’esercizio presentato, decidere quando svolgerlo, ripeterlo tutte le volte che gli è necessario, chiedere la ripetizione della presentazione già fornita e chiedere nuove presentazioni

Obiettivi diretti: isolare le abilità necessarie per lavare una finestra o un grande specchio        

Obiettivi indiretti: raffinare i movimenti e stimolare la motricità fine, favorire la destrezza e la coordinazione oculo-manuale, rinforzare la muscolatura della mano e la capacità di presa delle dita in preparazione alla scrittura, sviluppare le capacità di coordinazione e controllo motorio, stimolare la capacità di memorizzare una sequenza, sviluppare il senso di indipendenza e di conseguenza dell’autostima, soddisfare il bisogno di ordine del bambino, eseguire movimenti finalizzati al raggiungimento di un risultato che è utile per se stessi e per gli altri, sviluppare la capacità di cooperazione, stimolare il senso di solidarietà, gioia che deriva dalla sensazione di pulito

Nomenclatura: finestra, vetro, cornice, bottiglietta spray, lavavetri, gommino, panno, lucidare, asciugare, ecc.

Punti di interesse: passare il lavavetri dall’alto verso il basso, lucidare col panno con movimenti circolari, asciugare la cornice della finestra con la spugna

Controllo dell’errore: il bambino non è in grado di portare a termine l’esercizio, il bambino non è in grado di eseguire correttamente l’esercizio

Video: https://www.youtube.com/watch?v=PqoJI1V1R5E

Lucidare il vetro

Nome dell’esercizio in inglese: polishing a mirror, glass polishing

Area: cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni

Materiale: un cestino blu contenente l’oggetto da lucidare (specchio, lente di ingrandimento, soprammobile di cristallo, vaso da fiori, occhiali, ecc.), un flacone contagocce contenente detergente per vetri o una soluzione di acqua e aceto, batuffoli di cotone o cotton-fioc, un piattino, un panno per vetri (massimo 15×15 centimetri), una spugna delle dimensioni del palmo della mano del bambino. Una tovaglietta impermeabile blu. Grembiuli. Un tavolo e due sedie. Un luogo dove esporre gli oggetti lucidati. Lavandino per lavarsi le mani  

Presentazione

Continua a leggere Lucidare il vetro

Spazzolare un tappeto

Nome dell’esercizio in inglese: brushing a mat (a rug)  

Area: cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni

Materiale: un cestino contenente una spazzola dura e scopino e paletta. Un tappeto che necessita di spazzolatura. Grembiuli. Pattumiera

Presentazione

Continua a leggere Spazzolare un tappeto

Spolverare col piumino

Nome dell’esercizio in inglese: using a feather duster

Area: esercizi preliminari, rotazione del polso, cura dell’ambiente

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: piumini da spolvero, cestino, un ripiano di uno scaffale con degli oggetti impolverati

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro come spolverare oggetti col piumino”

. il bambino è libero di accettare o rifiutare: cercare il consenso del bambino con lo sguardo

. accompagnare il bambino allo scaffale dove è conservato il materiale

. mettere due piumini nel cestino

. trasportare il cestino su di un tavolo accanto allo scaffale da spolverare

2. Analisi dei movimenti

. ripetere il nome dell’esercizio che è argomento della presentazione

. dire: “Spolveriamo questi oggetti impolverati”

. passare il piumino lentamente e con tocco leggero su tutte le superfici degli oggetti da spolverare, senza spostare gli oggetti

. rimettere i piumini nel cestino

. ammirare il proprio lavoro

3. Conclusione

. portare i piumini alla finestra

. aprire la finestra

. scuotere i piumini fuori dalla finestra per eliminare la polvere

. rimettere i piumini nel cestino

. rimettere piumini e cestino al loro posto

. ringraziare il bambino per il suo lavoro

. congedarsi assicurandosi che abbia pensato a cosa gli piacerebbe fare

Libertà del bambino

dopo la presentazione il bambino è libero di scegliere l’esercizio presentato, decidere quando svolgerlo, ripeterlo tutte le volte che gli è necessario, chiedere la ripetizione della presentazione già fornita e chiedere nuove presentazioni

Obiettivi diretti: isolare le abilità necessarie per spolverare oggetti col piumino

Obiettivi indiretti: raffinare i movimenti e stimolare la motricità fine, favorire la destrezza e la coordinazione oculo-manuale, rinforzare la muscolatura della mano e la capacità di presa delle dita in preparazione alla scrittura, sviluppare le capacità di coordinazione e controllo motorio, sviluppare il senso di indipendenza e di conseguenza dell’autostima, soddisfare il bisogno di ordine del bambino

stimolare la capacità di concentrazione e attenzione, stimolare lo sviluppo della volontà, eseguire movimenti finalizzati al raggiungimento di un risultato che è utile per se stessi e per gli altri, sviluppare la capacità di cooperazione, stimolare il senso di solidarietà, cura e rispetto dell’ambiente,

Nomenclatura: piumino, polvere, piume, il nome degli oggetti spolverati, scuotere, ecc.

Punti di interesse: gioia che deriva dalla sensazione di pulito, muovere con leggerezza il piumino, scuotere il piumino alla finestra

Controllo dell’errore: il bambino non è in grado di portare a termine l’esercizio, il bambino non è in grado di eseguire correttamente l’esercizio, c’è ancora polvere sugli oggetti, non c’è polvere sul piumino, gli oggetti cadono dallo scaffale mentre si spolvera

Variazioni ed estensioni: spolverare un singolo oggetto

Suddividere le posate

Nome dell’esercizio in inglese: sorting cutlery

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, rotazione del polso, presa a C delle dita, travasi

Età: dai 3 anni

Materiale: un grande vassoio contenente un portaposate ed un cesto con forchette, coltelli, cucchiai e cucchiaini. Un tavolo e due sedie

Presentazione

Continua a leggere Suddividere le posate

Raggruppamento di oggetti

Nome dell’esercizio in inglese: sorting objects

Area: esercizi preliminari

Età: 2 anni e mezzo

Materiale: un vassoio sul quale si trovano un cestino contenente 4 gruppi di 5 oggetti identici (20 in tutto) e quattro scodelline. Un tavolo e due sedie

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro il raggruppamento di oggetti”

Continua a leggere Raggruppamento di oggetti

Cambiare il rotolo di carta igienica

Nome dell’esercizio in inglese: change the toilet roll

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni

Materiale: un vassoio contenente un rotolo di carta igienica nuovo fermato con un giro di nastro adesivo, un portarotolo montato su una tavoletta di legno, un rotolo vuoto. Un tavolo e due sedie

Presentazione

1. Preparazione diretta

. invitare il bambino a iniziare il ciclo di lavoro in modo breve e stimolante e dare il nome dell’esercizio: “Ti mostro come cambiare il rotolo della carta igienica”

Continua a leggere Cambiare il rotolo di carta igienica

Dipingere al cavalletto

Nome dell’esercizio in inglese: paint on the easel

Area: esercizi preliminari, cura dell’ambiente

Età: dai 3 anni

Materiale: un cavalletto, un foglio di carta da pittura, colori, pennelli, una spugna, un secchio d’acqua, un luogo dover far asciugare la pittura finita, un vassoio per la pittura finita, un grembiule.

Continua a leggere Dipingere al cavalletto

Telaio da ricamo

Nome dell’esercizio in inglese: embroidery hoop

Area: movimenti elementari, cura dell’ambiente, cura di sé

Età: dai 4 anni

Materiale: un vassoio contenente un pezzo di tessuto, un telaio da ricamo, rocchetti di filo colorato (lana o filo da ricamo), forbici, ago sul puntaspilli, infila ago, ditale. Un tavolo e due sedie

Presentazione

Preparazione indiretta

Mettere a disposizione dei bambini su uno scaffale: pezzi di tessuto assortito (iuta, lino, cotone, ecc.) senza disegni; pezzi di tessuto assortito con delle sagome da ricamare disegnate col pennarello; telai da ricamo; rocchetti di filo colorato; aghi; infilaaghi; forbici; ditali

Continua a leggere Telaio da ricamo

Cucire un bottone

Nome dell’esercizio in inglese: sewing on a button  

Area: movimenti elementari, cura di sé, cura dell’ambiente

Prima presentazione

Età: dai 3 anni

Materiale: un vassoio contenente un grande bottone di legno a quattro fori, un cordoncino con un nodo ad una delle estremità, un ago grande, schede sequenza (facoltative). Un tavolo e due sedie

Continua a leggere Cucire un bottone

Cucire con ago e filo

Nome dell’esercizio in inglese: sewing cards with needle

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari, pinza a due dita

Età: dai 3 anni

Materiale: un vassoio contenente un rocchetto di filo rosso di lana o cotone, tre strisce da cucire (tutte e tre della stessa misura), forbici, un ago su un puntaspilli, una matita. Un tavolo e due sedie

Presentazione

Presentazione indiretta

Continua a leggere Cucire con ago e filo

Carte da cucire

Nome dell’esercizio in inglese: sewing cards

Area: movimenti elementari, pinza a tre dita

Età: dai 2 anni e mezzo

Materiale: un vassoio contenente una carta da cucire e una stringa. Un tavolo e due sedie

Presentazione

Preparazione indiretta

allestire uno scaffale con:

Continua a leggere Carte da cucire

Fare un fiocco

Nome dell’esercizio in inglese: make a bow

Area: esercizi preliminari, movimenti elementari,

Età: dai 3 anni

Materiale: un vassoio contenente due sciarpine di seta annodate tra loro per una delle estremità, una risma di carta o un grosso libro, le carte sequenza numerate. Un tavolo e due sedie

Continua a leggere Fare un fiocco