Digrammi e trigrammi col metodo Montessori

Digrammi e trigrammi col metodo Montessori

Qui presento due giochi per lavorare alle difficoltà ortografiche in chiave montessoriana, nell’ambito dello studio delle parole:

– I cestini delle difficoltà ortografiche (con cartellini pronti per la stampa in formato pdf)

– Le nomenclature per le difficoltà ortografiche (sempre stampabili gratuitamente in pdf).

_________________________

Digrammi e trigrammi col metodo Montessori

Esercizio 1

I cestini delle difficoltà ortografiche

Materiale occorrente

– due alfabeti mobili piccoli in due colori diversi

– cestini (o scatoline) contenenti i cartellini delle parole (circa 15 cartellini per cestino al massimo, da variare e riassortire spesso). Le difficoltà trattate saranno:

Cestino 1: CHE CHI

Cestino 2: GHE GHI

Cestino 3: CIA CIO CIU

Cestino 4: GLI

Cestino 5: GN

Cestino 6: SCE SCI

Cestino 7: GLI eccezione (glicerina, glicine, glicemia, anglicano, ganglio, glifo, negligente, negligenza, geroglifico, glissare,…)

Cestino 8: CQU QQU

Per ognuna di queste difficoltà ortografiche trovi  il materiale pronto da scaricare e stampare in questo articolo.

Presentazione

– Invitiamo i bambini a scegliere uno dei cestini, ad esempio il cestino di gn. Mettiamo il cestino scelto e gli alfabeti mobili sul tappeto.

digrammi e trigrammi 1

– Diciamo ai bambini: “Questi cestini contengono parole che hanno suoni speciali. Questi suoni speciali non stanno in una sola lettera, ma in due o in tre. Il cestino che avete scelto, ad esempio, è quello del suono gn. Vi viene in mente una parola che contiene il suono gn?”. Aspettiamo la risposta dei bambini, e se occorre aggiungiamo anche noi qualche parola.

digrammi e trigrammi 2

– Chiediamo ad un bambino di prendere i cartellini uno alla volta, e di leggerli a voce alta.


lock

Siamo spiacenti, questo contenuto e’ solo per gli abbonati al sito.

Clicca qui per accedere.

 

Sei gia’ un abbonato? Accedi qui sotto

Email
Password
 
Remember me (for 2 weeks)

Forgot Password


Lascia un commento